Silvio Ramat

Silvio Ramat, fiorentino di nascita (1939) e di formazione, ha insegnato Letteratura italiana contemporanea nell’Università di Padova dal 1976. La sua bibliografia di critico include fra l’altro: L’ermetismo (1969); Storia della poesia italiana del Novecento (1976); Protonovecento (1978); L’acacia ferita e altri saggi su Montale (1986); I sogni di Costantino (1988); La poesia italiana 1903-1943. Quarantuno titoli esemplari (1997); I passi della poesia (2002); Il lungo amore del secolo breve (2010); Citando e recitando (2012). Poeta, ha pubblicato numerose raccolte, confluite in Tutte le poesie 1958-2005 (2006). Sono poi usciti: Il canzoniere dell’amico espatriato (2009; 2012); Banchi di prova (2011); La buona fede. Memoria e letteratura (2011). Con il Ponte del Sale ha pubblicato Lungo le bianche strade provinciali (2013), una raccolta di saggi dedicati a poeti veneti, da Valeri a Bandini.