-5%

Il prezzo originale era: €18.00.Il prezzo attuale è: €17.10.

Si paga con la vita. Sarajevo 1991-2012

Quando in tutta fretta abbandonavamo la nostra casa alle porte della città,

per sempre, io portavo alcuni libri cari, un nécessaire

da signora e biancheria. Lei portava due sporte di cibo. Le chiedo,

Cosa hai preso, mamma? Quello che serve a tutti, dice.

Poi fra granate e cecchini arrivava al nostro orto e

portava ai nipoti insalata, cipolle, carote. Hai paura,

le chiedo. No, figlia mia, dice lei. Io penso solo ai

miei figli e Dio mi apre subito la strada. ECCO.

Esaurito

Ferida Duraković 2015 132 9788889615683 14 ,

L’autore

Prefazione di Ferida Duraković
Postfazione di Božidar Stanišić
Traduzione di Alice Parmeggiani
Testo bosniaco a fronte

“Arendt data il suo risveglio intellettuale con precisione: 27 febbraio del 1933, incendio del Reichstag. […] E ciò che come essere umano la cambiò del tutto furono i campi di concentramento di Hitler. «È inoppugnabile», scrisse nel 1945, «che i nazisti sono uomini come noi, e pesa come un incubo il fatto che essi abbiano mostrato e dimostrato fuor di ogni dubbio che cosa l’uomo sia in grado di fare». Qui non servono commenti, i parallelismi storici sono fondati: è ben chiara la somiglianza con ciò che dal 1992 è avvenuto, e sta avvenendo, in questi nostri territori. Con una differenza, che è assolutamente devastante per l’intero mondo contemporaneo: è successo di nuovo […].Tutto ciò mette un sigillo sul mio profondo senso di sconfitta. Un immaginario Reichstag viene di nuovo incendiato, lo spirito dell’imbianchino (o del poeta per bambini, fa lo stesso) aleggia sopra le teste addormentate di uomini sedotti dalle idee sul sangue, sul suolo, sulla nazione, sul pericolo rappresentato dagli Altri e dai diversi. I miei interrogativi iniziali ora si moltiplicano per mille; per alcuni le risposte mi vengono dalla mia piccola, ma fondamentale esperienza, così come decine di risposte ci sono nei libri di Hannah Arendt… ma questi non li leggono coloro che, purtroppo, sono, o stanno ora diventando, i loro protagonisti.”

Dalla Prefazione di Ferida Duraković

“L’antologia di Ferida Duraković, una severa ma umanissima voce femminile che diventa ora leggibile al pubblico italiano, è buona compagnia in ‘tempi meschini’, come i nostri.”

Andrea Canova, «Giornale di Brescia», 13 dicembre 2015

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Si paga con la vita. Sarajevo 1991-2012”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *