-5%

Il prezzo originale era: €14.00.Il prezzo attuale è: €13.30.

Ultime corrispondenze dal villaggio

Poi arrivarono quel giorno quel lampo
 
poi arrivarono quel giorno quel lampo
quel pomeriggio d’ottobre in cui il sole sembrava
 
                                un’immensa carezza
 
carezza sul celeste
 
                                sui gerani superstiti,
                                sui mattoni sui legni delle porte,
                                sugli ultimi giri delle bici all’aria aperta,
 
un’infinita carezza
sulla struggente bellezza dei melograni morenti.
 
 
«Oh sì – pareva mormorare l’invisibile Artefice,
oh sì l’imperdonabile Custode pentito –
oggi realizzo anch’io il peso di quanti assurdi millenni
e quanto inesausti siano e indomiti gli uomini e le cose,
e quanta fragilità nei dati di fondo e quanto inaudito sfrido»
 
 
un’infinita carezza
al tic tac che sento e al muro da cui pende
 
 
                                «e anche a te sulla tua guancia»
                                mormorò a dio porgendogli un fiordaliso l’io narrante.

Antonio Alleva 2016 88 9788889615614 40

L’autore

Foto di Fausto Cheng

Con illustrazioni di Fausto Cheng

“Le Ultime corrispondenze dal villaggio di Antonio Alleva per le belle edizioni de Il Ponte del Saledi Marco Munaro compongono un libro denso, vario, lieve. E però a suo modo violentissimo. Si sta in una dimensione – che è propria di ogni buona poesia – che nulla censura del vivente e in cui l’autore sta come L’Incantato della stella, ovvero la statuetta un po’ appartata del presepe che fissa, incantata, il cielo. E che però, in questo caso, vede saltare il villaggio, vede cambiare il senso di luogo, vede che la scena sta mutando. In tal senso credo sia un libro anche violentissimo. Basta leggere una delle poesie più belle che ci sono dentro (e tra le più belle che mi sia capitato leggere di recente) dedicata a Onna, paese terremotato.
In questa prova Alleva, che è poeta e lettore finissimo, […] mette queste cose (e altre) […] le fa vedere con scorci minimi e rapide vertigini di pensiero, tra i figli, le foto in casa, i poeti lontani e passati, le città ispaniche, le rabbie nazionali e antinazionali, gli sconforti. Ma mai cadendo nella retorica. Perché il villaggio di certo è stato importante ma altrettanto è stato stretto.”

Davide Rondoni, «clanDestino», 2017

“Il nostro è il tempo della corsa, del ritmo forsennato, delle città metropolitane. E l’ha ben capito Antonio Alleva, poeta raffinatissimo, che dall’estrema provincia abruzzese, da un paesino rannicchiato in un cantuccio, alle pendici dei ruvidi Appennini, fa udire la sua voce nitida e antica. […] La sua recente raccolta poetica, Ultime corrispondenze dal villaggio (Il Ponte del Sale, 2017), è un diamante incastonato nelle fibre di un’umanità, spinta ormai ai margini della routine cittadina.”

Alessandro Pertosa, «L’Huffington Post», 31 marzo 2017

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ultime corrispondenze dal villaggio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *