-5%

Il prezzo originale era: €18.00.Il prezzo attuale è: €17.10.

Una ricetta per l’acqua. Poesie scelte 1982-2009

Perfino nel cuore dell’inverno,
le lunghe notti, i giorni crepuscolari,
viene un momento in cui tra le nuvole filtra
un sole freddo, invisibile.

 

Allora il mare porta a casa il suo carico,
le pietre rilasciano i loro metalli
e un sussulto di sole accende stagni e pozze
finché ogni rivolo d’oro

 

è un Nilo, Tigri, Eufrate, Giordano
che formula luce.

Gillian Clarke 2014 144 9788889615607 13 ,

L’autore

Prefazione di Gillian Clarke
Postfazione, traduzione e cura di Giorgia Sensi
Testo inglese a fronte
“Vivo nella Gran Bretagna occidentale, a sei miglia dalla costa del Mare d’Irlanda, sotto l’influenza delle correnti d’aria atlantiche umide, miti, capricciose. La nostra casa si trova su un colle, a circa 240 metri sul livello del mare. Forse è per questo che il tempo stimola la mia scrittura. Amo il lessico dell’acqua, l’analisi su una bottiglia d’acqua, il linguaggio della pioggia, dei fiumi, delle cascate e delle sorgenti. Qui, sulla costa occidentale del Galles il sole tramonta nel mare. Nelle sere d’estate la luce dura più a lungo qui a ovest. In primavera cieli sconfinati portano stormi di uccelli migratori, il caldo o il freddo estremo è un fenomeno raro, e i campi intorno a noi sono sempre verdi.”

Dalla Prefazione di Gillian Clarke

“Gillian Clarke, poeta nazionale del Galles, drammaturga, traduttrice (dal gallese), è certamente una delle figure centrali, più popolari e rappresentative della letteratura gallese contemporanea. Scrittrice anglo-gallese – la lingua in cui scrive è l’inglese – è tuttavia, senza alcun dubbio, profondamente radicata nella cultura, nelle tradizioni, nella lingua, nell’ambiente del Galles. La sua poesia tratta del rapporto tra luogo e memoria, paesaggio e lingua; scava non solo nel mito e nella leggenda del suo paese, aggiornandone e riformulandone le immagini, ma anche nella sua storia personale, in quella della sua famiglia, del Galles industriale e rurale, passata e presente.
Anche quando il suo mondo è fatto del “qui e ora” lo sguardo del poeta però sa trascendere i confini locali e guardare oltre anche a mondi più lontani, a comunità diverse che sa raccontare con uguale intensità e partecipazione.
La presente antologia Una ricetta per l’acqua – il titolo è quello della sua penultima silloge A Recipe for Water (Carcanet 2009) – presenta poesie tratte da quattro delle sue numerose raccolte e copre un arco di tempo che va dagli anni settanta al presente.”

Dalla Postfazione di Giorgia Sensi

“Giorgia Sensi volge in italiano questo tragitto poetico di Gillian Clarke, passando accanto e quasi guardando con rispetto ai nomi tradizionali che puntellano i suoi versi, come fossero le assi, i robusti cavalletti su cui può sostenersi la rappresentazione. E certo lo scorrere dell’acqua è la più forte metafora del fluire del tempo, che inghiotte, segna, incide e infine consegna al mare. Così, cercare la «pulsante placenta» della sorgente vuol dire attingere le radici dell’immaginario, snidare la fangosa umidità che poi decide per le pendenze, la vita, la forza e lo sperdimento della morte.”

Paolo Febbraro, «il Sole 24 Ore», 9 novembre 2014

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Una ricetta per l’acqua. Poesie scelte 1982-2009”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *